Un cavallo a “strisce”… la Zebra

ZEBRA
FAMIGLIA: Equidae
GENERE: Equus
SPECIE: quagga (di burchell)

IMPRONTE
85mm

Un cavallo a “strisce”… la Zebra…

Fatta eccezione per il tipico colore del manto l’aspetto di questo mammifero è molto vicino a quello del cavallo.

La testa è grande, le labbra prominenti e prensili, gli incisivi sporgenti.

Le zebre hanno il corpo ricoperto di strisce bianche e nere e comunemente vengono associate ai cavalli anche se sono più simili agli asini sia per la robustezza fisica che per il modo di ragliare.

Dal punto di vista dell’organizzazione sociale non si tratta di animali territoriali.

I maschi formano un harem di femmine con all’interno un solo stallone che difende con calci e morsi la sua superiorità nei confronti di stalloni che vogliono subentrare nel suo harem.

Esistono diverse specie di zebre, ognuna con delle caratteristiche specifiche o per morfologia fisica o per distribuzione e misura delle strisce.

La zebra “comune” ha un peso di circa 320 kg e un’altezza al garrese di 140cm ed un’aspettativa di vita che può superare i 20 anni.

La zebra di montagna del Capo popola molti parchi del Sud Africa soprattutto nel Western Cape ed è stata salvata o quasi dall’estinzione, infatti, erano rimasti pochissimi esemplari, oggi tutelati in diversi parchi. Le sue caratteristiche strisce sono molto più sottili delle altre zebre e più ravvicinat.

Alcuni esemplari vivono anche nella zona del Capo di Buona Speranza e sono visibili con un po’ di fortuna lungo la strada che si percorre per andare verso il faro e verso il Capo.

CURIOSITÀ:

  • Corre fino a 50 Km/h
  • Longevità fino a oltre 20 anni
  • Le strisce delle zebre sono come le nostre impronte digitali, ogni esemplare è diverso da un altro
  • Si crede che le strisce abbiano una funzione di disorientamento per i predatori in fase di attacco, per confonderli
  • Per capire se una zebra è forte ed in salute bisogna osservare la sua criniera, se l’animale presenta le setole ben dritte e di colore ben definito tra il bianco ed il nero, allora la zebre gode di ottima salute
  • Sono delle “puzzone”… Vi capiterà di vederne moltissime e vi sembreranno tutte “grasse”. In verità il gonfiore del ventre deriva dalla produzione di gas durante la digestione che sfocia con episodi, non rari di flautulenza…
  • Non è raro vederle in coppia con il muso dell’una poggiato sulla “schiena” dell’altra. Si tratta di un modo per riposarsi e fornirsi ombra a vicenda e per “guardarsi” le spalle.

Se vuoi essere sempre informato sul Sudafrica non ti resta che seguirci, puoi trovare interessanti anche questi articoli:

Safari in Sudafrica… quale scegliere

Big Five

Safari al Kruger: quel giorno tra i Licaoni

Jackal: l’amico fidato dei ranger

Io sono Il Re

Franca: la balena australe

La Pantera: esperienza sudafricana

Il sanguinario Squalo

La bella e lunga Giraffa

Sawubona EXPLORATORE

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui social

No Comment

Leave a Reply

Solve : *
22 − 15 =